Selfie di un Caracole

Stampa Email

Selfie di un Caracole è una performance collettiva che indaga e ribalta il senso del selfie, oggi comunemente inteso come strumento di autecelebrazione personale. La figura del fotografo scompare: rimane il soggetto, sempre più solo, a celebrare se stesso e la propria immagine.
Cogliendo l'occasione dello storico e attuale rinnovamento del movimento zapatista con le dimissioni del Subcomandante Marcos, si pone l'azzardo di una serie di ritratti-selfie in cui tutti indossano il passamontagna zapatista; strumento che antepone il carattere di comunità all'immagine del singolo.

selfie di un caracole

selfie di un caracole


Viene sabotata l'idea di autocelebrazione e vi si antepone il senso di comunità. L'oscuramento dell'identità singola sacrificata per anteporre l'identità collettiva è un tratto che ritroviamo in molti movimenti, anche online, basate su azioni di hacking o sulla costruzione di software open source. In questo modo anche il selfie si sottrae all'idea di celebrazione di un singolo, ma diviene simbolo di Caracole, la piccola comunità indigena che è alla base del movimento zapatista.

selfie di un caracole

selfie di un caracoleselfie di un caracole

L'opera è stata realizzata al Maam - Museo dell'altro e dell'altrove, nella rassegna performativa "ginnastica della visione" a cura di Paolo Angelosanto

selfie di un caracole

selfie di un caracoleselfie di un caracole

selfie di un caracole

selfie di un caracoleselfie di un caracole

selfie di un caracole

selfie di un caracoleselfie di un caracole

selfie di un caracoleselfie di un caracole